067 - IL GATTO CHE SI MORDE LA CODA

(Leggi la versione sfogliabile)

COMBOINSIEME

14-7-2019 XV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO C

ritengo utile risvegliare la coscienza pubblica su un argomento passato nel dimenticatoio, le conseguenze delle sanzioni alla Siria. grazie e buona domenica.

Le migrazioni stanno creando scompiglio a popolazioni non preparate ad accoglierli, e sono sfruttati a scopo politico. A prescindere dalle risorse disponibili di un paese o di un continente, accettare i migranti in modo indiscriminato potrebbe disgregare la pace sociale. Infatti, è indispensabile predisporre, ed essere in grado di farlo, un percorso di integrazione e di controllo del cammino di accoglienza.
I giovani che vogliono allontanarsi dalle loro famiglie in generale non lo fanno di buon grado se non spinti dalle guerre, l’instabilità dell’ordine costituito, mancanza di opportunità di crescita, di lavoro, la possibilità di nutrirsi adeguatamente, e non ultimo lusingati dal modo di vita dell’Occidente presentato dai media che rimane la meta preferita e non verso i ricchi paesi islamici che pure loro hanno bisogno di mano d’opera.
Le guerre sono una delle cause principali della fuga delle popolazioni verso cieli più pacifici. Il Medio Oriente da quarant’anni è dilaniato da guerre fratricide, Iran e Iraq negli anni ottanta, seguite da invasione dell’Iraq e poi della rivoluzione sanguinosa in Siria. Questi eventi sono impregnati di odio religioso che continua tra l’altro a decimare la presenza cristiana parte integrale della popolazione. I principali paesi Occidentali, ma non solo, non sono estranei a questi scombussolamenti che provocano la fuga disperata delle popolazioni verso i paesi confinanti e l’Occidente. La continua imposizione delle sanzioni da parte dell’Unione Europea del divieto di rifornire medicine e altri approvvigionamenti indispensabili alla sopravvivenza, crea una ulteriore inutile violenza sulle frange più povere dei paesi martoriati ed è un ulteriore causa per fuggire verso un Occidente impreparato ad accoglierli. Apparentemente una situazione in cui il gatto si morde la coda.

Giuseppe Samir Eid

Samir Eid Raccolte

Intendono fornire gli strumenti per una inclusione sociale del flusso migratorio, gettare una luce sui diritti umani e la condizione di vita dei cristiani nel mondo islamico da cui proviene l’autore.La conoscenza dell’altro, delle diversità culturali e religiose sono ingredienti primari per creare la pace nei cuori degli uomini ovunque, premessa per una serena convivenza e convinta cittadinanza sul territorio.

R010 - COPTI D'EGITTO: MARTIRI CRISTIANI DEL XXI SECOLO

Corriere della Sera – Anno 2013

(Leggi la versione sfogliabile)

NATALE / 1 – In Egitto la ricorrenza della natività è celebrata il 6 gennaio. In vicinanza delle feste cristiane le violenze si ripetono nel Paese contro i fedeli copti. L’11 dicembre 2016, un attentato ha straziato una cinqinatina di fedeli nella cattedrale copta del Cairo: nel febbraio 2015, 20 lavoratori copti in Libia sono stati trucidati per rifiutarsi di convertirsi alla fede islamica. Nell’agosto 2013 sono state saccheggiate oltre 50 chiese e istituzioni cristiane la maggior parte dedicate a servizio della popolazione, senza distinzione religiosa; alcuni assalti sono falliti per l’intervento dei vicini musulmani. Nel gennaio del 2011 una bomba contro la chiesa ad Alessandria d’Egitto. I copti in Egitto sono la più numerosa cittadinanza autoctona cristiana nel mondo arabo spesso considerati e percepiti come un’etnia straniera. Causa discriminazioni e motivi pratici, negli ultimi decenni, le conversioni di cristiani all’islam sono state di circa 10.000 all’anno. Il contrario è proibito per

(altro…)

Continue Reading