R001 - I NUOVI PERSEGUITATI

Anno 2002

(Leggi la versione sfogliabile)

per antonio socci: copia di quanto inviato a Paolo Mieli:

A :dr. Paolo Mieli

DA : G. Eid

OGGETTO:I nuovi perseguitati:

Spero che avrà avuto il tempo di prendere conoscenza dell’indice, almeno quello, del libro che le ho consegnato al termine del suo intervento, intitolato: cristiani e musulmani verso il 2000 edito dalle Paoline.

Nonostante i suoi molteplici impegni le chiedo di leggere la pagina 27 scritta otto anni fa; credo che i centri musulmani, sono bombe che un giorno o l’altro esploderanno, almenoché gli italiani nel frattempo, le autorità pubbliche in primo luogo, non riscoprono la loro identità e applicano la legge senza remore. A lungo termine, questi sono centri pericolosi, non tanto per il solo fatto d’essere musulmani, ma per l’identità del finanziatore, i secondi fini non dichiarati perseguiti, e il tipo di persone inserito per la loro conduzione. Ci sono voluti personalità ebree a sollevarne l’argomento!

Senza presunzione, le propongo la mia opinione al riguardo delle domande che Lei ha posto al pubblico in quella serata. L’opinione di un arabo cristiano emigrato dall’Egitto verso l’Italia.

(altro…)

Continue Reading

R002 - CRISTIANI SOTTO PRESSIONE

FAX 07/01 – 2011

(Leggi la versione sfogliabile)

caro dott. Amicone

questa la bozza di un testo che potrebbe una volta limato e modificato, fare l’oggetto di una petizione all’Autorità competente; è cosa fattibile per far muovere opinione pubblica e governanti? grazie.

Ho alcune considerazioni da fare sulle modalità della “difesa dei cristiani” da parte dell’Occidente; è un tema fuorviante e controproducente che fa sembrare che i cristiani indigeni siano accomunati a cittadini stranieri nel proprio paese; questo NO. Per quanto riguarda i Cristiani sotto attacco nel mondo islamico:Il problema è politico e va affrontato come tale.

Ho letto di varie proposte riguardo ai cospicui finanziamenti della UE, e propongo ai nostri governanti di avere il coraggio di subordinarli all’attuazione di maggiore libertà civile, religiosa e sicurezza nel paese beneficiario; promuovere una società che abbia un profondo senso di fiducia nei valori religiosi e umani, sia caratterizzata da un reciproco rispetto di tutti i suoi componenti con uguali diritti e doveri, che l’appartenenza religiosa non sia una discriminante tra i suoi cittadini.

(altro…)

Continue Reading

R003 - CRISTIANI DISCRIMINATI ED ESODO FORZATO

FAX 14/06 – 2007

(Leggi la versione sfogliabile)

Il silenzio del popolo delle piazze è assordante, quello delle due Simone, e anche quello della Chiesa. La prudenza non è mai stat ricambiata da i governi arabi e da i loro sostenitori, italiani o meno, residenti da noi. Manifestare contro le leggi fascite discriminanti vigenti nei paesi del vicino oriente che violano i diritti umani i più elementari in nome della religione islamica. La protesta va fatta sull’argomento specifico dei diritti umani a beneficio di tutti i cittadini, ebrei cristiani e musulmani, sottomessi nel XXI secolo a leggi medievali. Ai i nostri governi e UE di abbinare l’erogazione di contributi e finanziamenti con l’applicazione integrale dei Diritti Umani uguali per tutti. Pretendere dalle dittature in essere un loro controllo sugli appelli all’odio e alla guerra santa contro i vicini. Pretendere dagli intellettuali in occidente e nei paesi islamici, e dalle università islamiche una netta presa di posizione pubblica e su i media non soltanto per una generica fratellanza tra i popoli ma per l’uguaglianza di diritti tra i cittadini dello stesso paese.

(altro…)

Continue Reading

R006 - CONDANNA LA STRAGE DEI CRISTIANI IN EGITTO

01 – 2011

(Leggi la versione sfogliabile)

Commento su Ali
Condanna la strage dei cristiani in Egitto
Avrei alcune considerazioni da fare sulle modalità della “difesa dei cristiani” da parte dell’Occidente; è un tema fuorviante e controproducente che fa sembrare che i cristiani indigeni siano accomunati a cittadini stranieri nel proprio paese; questo NO. Per quanto riguarda i Cristiani sotto attacco nel mondo islamico:Il problema è politico e va affrontato come tale.
Ho letto di varie proposte riguardo ai cospicui finanziamenti della UE, e propongo ai nostri governanti di avere il coraggio di subordinarli all’attuazione di maggiore libertà civile, religiosa e sicurezza nel paese beneficiario; promuovere una società che abbia un profondo senso di fiducia nei valori religiosi e umani, sia caratterizzata da un reciproco rispetto di tutti i suoi componenti con uguali diritti e doveri, che l’appartenenza religiosa non sia una discriminante tra i suoi cittadini.
Condivido l’idea che l’Occidente inizi a concedere crediti a certe condizioni che possono spaziare dallo scambio tecnologico alla cultura, ma anche di subordinare finanziamenti e protocolli internazionali in corso di stipula a certi criteri culturali e di reciprocità.

(altro…)

Continue Reading